UN MISSIONARIO PALERMITANO IN GIAPPONE

Ce ne parla la giornalista giapponese  Tomoko Furu, autrice del  libro “L’ultimo missionario - la storia segreta di Giovanni Battista Sidotti”

Renato Pinnisi, 28.10.2017

PALERMO – «Visitare i luoghi dove l’abate missionario Giovanni  Battista Sidotti si è formato ed è partito per la missione in Giappone è stato davvero emozionante, cosi come è stato significativo presentare questo lavoro ai cittadini di Palermo».

E’ quanto detto dalla giornalista scrittrice Tomoko Furui, in occasione della presentazione del libro “L’ultimo missionario - La storia segreta di Giovanni Battista Sidotti in Giappone”,  il racconto di una fede testimoniata e vissuta nel martirio da un missionario palermitano che si è svolta lunedì sera, al Cinema Teatro Gaudium di via Damiani Almeyda 32.

La presentazione dell’importante e originale lavoro della giornalista giapponese è stata promossa dalla Fondazione Terra Santa in collaborazione con l’Ucsi Sicilia. La presentazione a Palermo, città natale del missionario Sidotti, è stata inserita in un percorso ideale voluto dai responsabili della Fondazione Terra Santa che ha toccato Milano, l’ambasciata giapponese in Italia a Roma e Palermo. La presentazione, moderata dal giornalista vaticanista Michelangelo Nasca, presidente dell’Ucsi Palermo è stata aperta dai saluti del giornalista Giampiero Sandionigi, rappresentante dell’Edizioni di Terra Santa e collaboratore della Rivista, dal consigliere nazionale Ucsi Salvatore Di Salvo, da  fra Antonio Iacona, ofm, commissario di Terra Santa della Sicilia e Domenico Interdonato, presidente Ucsi Sicilia. Poi la relazione di  Don Mario Torcivia, docente dello Studio Teologico San Paolo di Catania. 

«Il libroL’ultimo missionario - La storia segreta di Giovanni Battista Sidotti in Giappone”  - introduce don Mario Torcivia - ha il merito di strappare all’oblio dei secoli una vicenda importante per la storia e la cultura del Paese nipponico. Siamo in Giappone, nel 1708». Il Paese vive il tempo del sakoku: ogni contatto con gli stranieri, soprattutto se missionari cristiani, è proibito o rigidamente regolato. In un contesto di violenta persecuzione, il 12 ottobre 1708, uno straniero vestito da samurai sbarca furtivamente nell’isola di Yakushima. Viene subito fermato e imprigionato, e insieme a lui anche chi lo aveva accolto. L’autrice del libro ha avuto il privilegio di conoscere il missionario nella parrocchia dove lei si è trasferita, nella piccolissima isola. Così sentendo parlare della vicenda del missionario ha iniziato le ricerche giornalistiche pubblicando una serie di articoli e inchieste sulla morte. Afferma don Torcevia: «E’ un lavoro originale e unico che ci permette di scoprire la storia e la missione di questo nostro conterraneo. Questa bellissima storia del nostro missionario è stata ripresa  nel luglio 2014, quando  i suoi resti vennero ritrovati, là dove era stata la sua prigione, e riconosciuti grazie al Dna».

Il consigliere nazionale dell’Ucsi Salvatore Di Salvo sottolinea: «Il missionario Sidotti ci ha appassionato e abbiamo sostenuto l’iniziativa, grazie alla sezione siciliana guidata dal presidente Interdonato, perché l’abate palermitano è stato il primo comunicatore della buona notizia e del Vangelo.  Una comunicazione che doveva essere portata ai fratelli non credenti e in una nazione lontana». E il presidente Ucsi Sicilia Domenico Interdonato aggiunge: «Abbiamo sostenuto la proposta perché è un nostro conterraneo ed ha svolto un ruolo  nella storia giapponese». Conclude il presidente dell’Ucsi Palermo Michelangelo Nasca: «la storia del missionario era sconosciuta a noi palermitani, ma grazie alla giornalista Tomoko Furui è stata riportata alla luce».

Sei qui: Home AREE TEMATICHE AMBIENTE e SOCIETA' UN MISSIONARIO PALERMITANO IN GIAPPONE - Renato PINNISI