ERNIA AL DISCO?

La cura c’è … e senza intervento, grazie al professor Dario Apuzzo!

ALESSANDRA FERRARO, 08.08.2015

AOSTA - Sono una giornalista Rai, a cui era stata diagnostica un'ernia al disco completamente espulsa L4-L5. Le mie condizioni erano molto gravi: da oltre sei mesi avevo dolori di sciatalgia acuta persistente, giorno e notte. 

Cercavo di lenire il dolore utilizzando farmaci antidolorifici e antinfiammatori, il cui effetto era peraltro solo momentaneo. Nel frattempo mi ero sottoposta a  ben undici iniezioni paravertebrali di ozono in un centro del Piemonte senza trarre alcun beneficio dopo quasi due mesi di trattamento. Ogni volta che mi praticavano la paravertebrale sentivo un dolore acuto e nessun miglioramento. Ero profondamente delusa e convinta che l'ozono non potesse servire, data la mia condizione ormai troppo grave.

Dopo una lunga ricerca, selezionando i più qualificati medici specialisti,sono arrivata dal Professor Dario Apuzzo a Milano  in condizioni davvero difficili e psicologicamente molto scoraggiata.  Appena entrata nello studio medico, un pannello informativo descriveva le potenzialità dell'ozonoterapia come risoluzione definitiva. Ho pensato subito che fosse impossibile, considerando la mia situazione e le undici paravertebrali praticate senza esito. Invece, a seguito della visita preliminare, caratterizzata dall’alto grado di professionalità e sicurezza del medico,  ho deciso di affidarmi a lui. Già alla prima seduta mi sono subito resa conto che era completamente differente la tecnica di iniezione paravertebrale. Innanzitutto non sentivo alcun dolore né nel bucare né durante l’introduzione dell’ozono, la sua mano sicura e decisa era magistralmente guidata nei punti da curare.

Così ho iniziato a sentire alcuni miglioramenti che via via sono diventati sempre più consistenti. Il dolore progressivamente diminuiva e io ricominciavo a vivere. Un esempio banale: ho iniziato a dormire, potevo girarmi su entrambi i fianchi nel letto senza avere dolori acuti. Prima, questo semplice movimento era per me impossibile in particolare sul fianco sinistro, inoltre  mi svegliavo due/tre volte per notte a prendermi la dose di antidolorifico che non mi  faceva quasi più effetto. Poi ho iniziato a guidare, a stare seduta, a lavorare. Sono insomma ritornata ad una vita normale. Mi sembrava un sogno impossibile se penso alla prima volta che, dolorante e impedita anche solo nel camminare, sono entrata nello studio del Professor Apuzzo (www.saluteok.it).

Questa è la mia testimonianza. Ci tengo a divulgarla perché una cosa l'ho capita: l'ozonoterapia funziona, ma è fondamentale la professionalità del medico che la pratica, che sa iniettare nel punto giusto, che non ti fa assolutamente male e pian piano inizi a migliorare veramente, fino ad arrivare alla completa guarigione. Così è stato per me. Spero che le mie parole possano aiutare chi soffre di disturbi di ernie discali. E vorrei aggiungere ancora una riflessione: nel mio peregrinare da uno specialista ad un altro per trovare una soluzione, un giorno ho preso una visita da un neurochirurgo che mi ha detto "l'ozonoterapia non serve, lei deve immediatamente operarsi". Per fortuna non gli ho creduto. Oggi vorrei ritornare da questo specialista e fargli vedere invece come sono guarita!  Grazie Professor Dario Apuzzo che mi ha guarita e grazie per l'impegno, la correttezza e la dedizione con cui esercita la sua professione