“TORINO IN BICI”

Il nuovo slogan della città di Torino

ALBA MERCOLELLA - 10.06.2014

TORINO -  Lunedì 10 giugno  il nuovo Presidente della Regione Sergio Chiamparino, arrivando in bicicletta al Palazzo della Regione,  in Piazza Castello, ha saputo ben rappresentare il modo preferito di viaggiare dei torinesi. Soprattutto nel centro della città, dove la bici permette di evitare agevolmente il traffico delle ben più inquinanti automobili.

Non solo l'ambiente ci guadagna dall'utilizzo di questo mezzo di trasporto, ma anche la nostra salute. È dimostrato che un poco di moto al giorno, quello che si compie percorrendo pochi chilometri in bicicletta, è più salutare dell'attività fisica saltuaria, senza contare la mortalità,  minore rispetto a chi utilizza regolarmente l'automobile.

Nel 2009 è stato istituito in città, e precisamente in via Padova 29, l'Ufficio Biciclette  un'unità di lavoro dedita a promuovere l'utilizzo di questo mezzo di trasporto. Oltre a questo, si occupa di progettare nuovi percorsi ciclabili sia sulla rete stradale sia nei parchi, oltre  alla manutenzione di quelli già esistenti. Per sensibilizzare la popolazione, promuove l'uso della bicicletta anche per gli spostamenti di routine (casa-scuola e casa-lavoro) e gestisce iniziative culturali ed ecologiche.

Uno dei migliori servizi offerti dalla città di Torino è il bike sharing, pensato per chi non possiede una bicicletta e necessita di fare brevi spostamenti. Si tratta del primo servizio di questo genere a livello metropolitano in Italia e include anche l'hinterland cittadino (Collegno, Grugliasco, Venaria Reale, Alpignano e Druento), anche vicino alle  fermate della metropolitana. Con ben 106 stazioni e  la disponibilità 24 ore su 24, permette di evitare il problema del parcheggio, offrendo nel contempo libertà da vincoli di orario e di tragitto. L'abbonamento, che prevede una tessera elettronica, è molto vantaggioso: 20 euro l'annuale, 5 euro il mensile e 2 euro il giornaliero per gli usi saltuari. Dopo la prima mezzora c'è un piccolo supplemento per meno di un euro.

Esiste anche il classico noleggio, contattando la Pro Loco di Torino (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.) sia per noleggiare un solo mezzo, sia per  gite di gruppo, organizzate e non. L'associazione “Due ruote nel vento” organizza viaggi in Italia e in Europa, con biciclette adatte sia alla città che alle escursioni di più giorni, contattando il numero 011 4372057. Altra organizzazione citata dal sito del Comune di Torino è “Future Bike”, che noleggia sia biciclette tradizionali che elettriche (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.%20" style="line-height: 1.5;">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ). Al Parco Ruffini, dal 2014 è possibile il noleggio bici previa presentazione di un documento d'identità. Infine, sul territorio di Mirafiori Nord e Santa Rita (Circoscrizione 2) il progetto “Liberalbici” consente il noleggio gratuito del mezzo in ben undici punti del quartiere.

Viste tutte le possibilità offerte da vari enti e dal Comune, non resta che lasciar perdere l'auto (nei limiti del possibile) e pedalare per le vie di Torino.

Sei qui: Home GIORNALISMO-UNIVERSITA' A.A. 2013-2014 "TORINO IN BICI". IL NUOVO SLOGAN DELLA CITTA' DI TORINO - MERCOLELLA A.